"); -->
Visit Citebite Deep link provided by Citebite
Close this shade
Source:  http://www.corriere.it/economia/12_giugno_20/berlusconi-uscita-euro-bestemmia-monti-bce-germania-crisi_b8303fa8-baf5-11e1-9945-4e6ccb7afcb5.shtml
Vai ai contenuti
vai cancel

IL Cavaliere torna a ventilare l'addio alla moneta unica e il ritorno alla lira

Berlusconi: Merkel sbaglia tutto
Uscire dall'euro? Non è bestemmia

Il richiamo del Cavaliere: «Bce sia banca di garanzia, Monti
faccia valere la solidità del Paese». Poi l'ok al ddl lavoro

IL Cavaliere torna a ventilare l'addio alla moneta unica e il ritorno alla lira

Berlusconi: Merkel sbaglia tutto
Uscire dall'euro? Non è bestemmia

Il richiamo del Cavaliere: «Bce sia banca di garanzia, Monti
faccia valere la solidità del Paese». Poi l'ok al ddl lavoro

A 0 persone piace questo contenutoA 0 persone non piace questo contenuto
«Non credo che sia una bestemmia» l'ipotesi che l'Italia esca dall'euro e torni alla propria moneta nel caso «l'euro non abbia alle spalle una Bce che faccia la banca di garanzia ed emetta euro». Silvio Berlusconi ritorna sull'argomento euro nel corso della presentazione di un libro sull'America. «Auspico - ha detto Berlusconi - che il presidente del Consiglio faccia valere la nostra solidità e forza economica e faccia pressing perché la Germania ammorbidisca la sua posizione».

LA MONETA - Sul ritorno alle monete nazionali, l'ex premier è chiaro: «Non credo sia una bestemmia l'ipotesi di uscire dall'euro, così da poter pensare a procedere con una svalutazione competitiva». «La soluzione principale - puntualizza Berlusconi - è che la Germania si convinca che la Bce deve fare la banca di garanzia, pagare i titoli ed emettere moneta». Se così non fosse, si chiede Berlusconi, «cosa può accadere? C'è chi si aspetta che la Germania si ritiri dall'euro. Ho parlato - riferisce - con alcuni esperti della finanza tedesca per i quali il ritiro dall'euro non è poi un'idea così balzana». Dunque, aggiunge, «se la Germania insiste sulle sue posizioni negative, può accadere o che gli Stati singoli ritornino alle monete nazionali, o che la Germania esca dall'euro». Nel frattempo giovedì, sul Wall Street Journal, uscirà un'intervista all'ex premier rilasciata il 18 giugno in cui Berlusconi chiarisce le dichiarazioni fatte sull'ipotesi che sia la Banca d'Italia a stampare euro: «Era una provocazione. Chiaramente l'uscita dall'Euro di singoli Paesi, o peggio lo sfaldamento dell'Eurozona in quanto tale, sono prospettive che fino a poco tempo fa sembravano impensabili, mentre oggi sono possibili. Perché questo scenario di disgregazione torni a essere impensabile, occorre una sterzata in direzione opposta: l'unione politica». Poi, un giudizio molto duro sulla cancelliera tedesca: «Se andiamo avanti con le politiche della signora Merkel, finiremo in una spirale di recessione sempre peggiore. È davvero la politica sbagliata».

L'ANALISI - «Stiamo vivendo una crisi - ha spiegato Berlusconi mercoledì - che sembra avvitarsi in una spirale recessiva senza fine. L'euro dovrebbe avere dietro una politica fiscale e una banca che garantisca il debito e che intervenga nei pagamenti nel momento opportuno. Io credo - puntualizza l'ex premier - che si esca da questa attuale situazione solo con una Bce che assuma la garanzia dei debiti e paghi i titoli in scadenza, perchè ora abbiamo una situazione che ci fa pagare più del 6% i titoli di debito pubblico, mentre il Giappone che ha un debito doppio rispetto al nostro, riesce a collocare i titoli all'1% di interesse». Questo avviene, continua ancora Berlusconi, «perchè gli investitori in Giappone hanno la garanzia che alla scadenza il Giappone paga stampando moneta, come fa la Federal Reserve. Come si può fare? Con un po' di inflazione. Del resto, abbiamo convissuto con l'inflazione a due cifre negli anni '80 e l'economia si è sviluppata e l'occupazione cresceva». Insomma, per Berlusconi, «non si deve aver paura di una moderata inflazione, mentre la Germania ha paura».

Redazione Online20 giugno 2012 (modifica il 21 giugno 2012)© RIPRODUZIONE RISERVATA

Non è possibile
inviare commenti
a questo articolo
Commenta la notizia CONDIVIDI LE TUE OPINIONI SU CORRIERE.IT TUTTI I GIORNI DALLE 8 ALLE 24



273
@Chiarissimo
21.06|23:07 Giggi.L

I prezzi sono certamente aumentati anche nel resto dell'Europa, ma non come in Italia. E' un dato di fatto e non uno slogan... Comunque è innegabile che le responsabilità maggiori sono di chi è stato al governo più degli altri in questi ultimi anni, cioè di Berlusconi, che ha negato fino all'ultimo la crisi e ha detto che stavamo meglio degli altri... negarlo sarebbe intellettualmente disonesto...

Basta con il Ragionier Pallido !
21.06|22:54 Sturm42

Berlusconi impugni la bandiera nazionale di Forza Italia contro i Cravattari e Ideologi Ipocriti dell'europeismo bancario! La lezione dei suicidi è chiarissima.L'europeismo non è Verità Rivelata. Benissimo il Cavaliere a cavalcare e spronare tutti contro i Visi Pallidi delle Banche e del Rigore Disumano.Salviamo gli Italiani,non l'Euro!

Però è anche vero che...
21.06|21:01 Paolina71

oggi le uniche nazioni europee con una economia che funziona ed una crescita di questo nome non hanno l'Euro, ma le loro rispettive monete nazionali...

Giggi L., io lavoro con l'estero, e non c'è un mio cliente che uno, che sia tedesco, francese,
21.06|19:12 Chiarissimo

belga o olandese , che non lamenti il raddoppio dei prezzi da quando è stato introdotto l'Euro. Così, giusto per chiarire ancora una volta la differenza tra gli slogan degli ultrà antiberlusconiani e la realtà dei fatti.

il Presidente del Milan
21.06|18:41 cambriagi

ah se si fosse limitatato a questa Presidenza quanto stress ci saremmo risparmiati! Ora però ci lasci in pace: non si occupi di cose che non conosce con la soave leggerezza che lo contraddistingue.

Leggi tutti i commenti
 
 
 
BORSA&mercati
Indice FTSE MibBORSA ITALIANA
FTSE MIB13786.220.25%
Star10109.50.09%
Mid Cap16077.650.37%
All Share14719.570.05%
 
 
Pubblicità
PIÙletti di ECONOMIA
IN PRIMO piano