Visit Citebite Deep link provided by Citebite
Close this shade
Source:  http://www.pecoraroscanio.it/index.php?mod=blog&func=comments3&alias=1000_nuovi_treni_per_i_pendolari
a.pecoraroscanio@verdi.itheader image
blog

24/10/2007

1000 nuovi treni per i pendolari


Il testo del videomessaggio:

E ancora una volta mi trovo in treno, un mezzo che quando posso uso volentieri perchè è tra i mezzi più ecologici che c'è ma è anche comodo per discutere e leggere.
Del resto nella Finanziaria 2008 abbiamo deciso di investire sui treni, stanziando centinaia di milioni di euro per comprare 1000 nuovi treni per i pendolari, abbiamo stanziato risorse importanti per completare le metropolitane di Roma, Milano e Napoli, ma soprattutto abbiamo deciso di investire per continuare a lavorare sul trasporto sostenibile; quello via mare, con il cabotaggio, ma anche sull'intermodalità per spostare il trasporto dalla strada alla ferrovia ed al mare. E finalmente stiamo lavorando per terminare l'autostrada Salerno-Reggio Calabria, la vera infrastruttura da completare: vogliamo tutti chiudere questo impegno importante.
Dateci una mano perchè sempre più come Verdi - oltre che come ministro dell'Ambiente - stiamo lavorando per spostare gli investimenti sui treni accantonando le opere inutili - come il faraonico ed inutile progetto del Ponte sullo stretto. Facciamo ciò che serve realmente agli italiani, ad esempio ai pendolari, ai quali servono treni migliori, più puliti e possibilmente più puntuali.



Postato alle 00:00:00 del 24/10/2007 | Politica | Rispondi | Stampa | Inoltra


Commenti

Continuo ... chissà prima o poi risponderà ... Vorrei ricordare al ministro dell’ambiente che dalla finanziaria dell’anno scorso è rimasto insoluto il problema dei CIP6, finanziamenti che invece di andare alle fonti veramente rinnovabili continuano ad andare a quelle assimilate già realizzate o APPROVATE. E che la parolina APPROVATE il ministro aveva promesso che sarebbe stata tolta. Quando? Ricordo a tutti che l’inceneritore di Torino, che non hanno ancora costruito, continuerà ad avere i finanziamenti statali che dovrebbero andare alle energie rinnovabili. E un nuovo inceneritore danneggia la nostra salute e l’ambiente. Saluti Barbara Mensi
postato da: Barbara Mensi alle 11:16:18 del 28/10/2007

 
On Pecoraro Scanio, Facendo seguito anche ad un suo precedente post sulla bici+treno, le faccio presente che se si volesse davvero renderli ecologici occorrerebbe semplicemente che tutti i treni e le metropolitane fossero dotate di un vagone apposito che consenta in ogni stazione di imbarcarsi e sbarcare con le bici, come già succede in gran parte della Mittel-Europa. Ha mai provato a farlo qui in Italia? Mancano le rampe, l'accesso e anche dove si tollera o si consente il transito, sui vagoni autorizzati (es. qui a Roma, l'ultimo del treno urbano per Fiumicino o il primo del treno per Ostia) non esiste proprio il posto fisico per mettere più di una o due biciclette poichè il vagone (se c'è) è lo stesso per gli handicappati. Per non parlare poi della carenza di piste ciclabili che, almeno qui a Roma, sono concepite solo per la gita domenicale e non collegate ad alcuna stazione importante. Ci vuole tanto a capire che sono questi semplici problemi a scoraggiare l'uso dei treni (certo, oltre alla mancanza di puntualità e il prezzo, che altrove è giustificato da un servizio + efficiente) e prendere qualche provvedimento concreto in questo senso? Costa troppo? Quanto ci costa ogni blocco della circolazione per superato i limiti dell'inquinamento, economicamente oltre che in salute?
postato da: Renzo Mattioli alle 10:26:07 del 27/10/2007

 
On Pecoraro Scanio, Facendo seguito anche ad un suo precedente post sulla bici+treno, le faccio presente che se si volesse davvero renderli ecologici occorrerebbe semplicemente che tutti i treni e le metropolitane fossero dotate di un vagone apposito che consenta in ogni stazione di imbarcarsi e sbarcare con le bici, come già succede in gran parte della Mittel-Europa. Ha mai provato a farlo qui in Italia? Mancano le rampe, l'accesso e anche dove si tollera o si consente il transito, sui vagoni autorizzati (es. qui a Roma, l'ultimo del treno urbano per Fiumicino o il primo del treno per Ostia) non esiste proprio il posto fisico per mettere più di una o due biciclette poichè il vagone (se c'è) è lo stesso per gli handicappati. Per non parlare poi della carenza di piste ciclabili che, almeno qui a Roma, sono concepite solo per la gita domenicale e non collegate ad alcuna stazione importante. Ci vuole tanto a capire che sono questi semplici problemi a scoraggiare l'uso dei treni (certo, oltre alla mancanza di puntualità e il prezzo, che altrove è giustificato da un servizio + efficiente) e prendere qualche provvedimento concreto in questo senso? Costa troppo? Quanto ci costa ogni blocco della circolazione per superato i limiti dell'inquinamento, economicamente oltre che in salute?
postato da: Renzo Mattioli alle 10:24:03 del 27/10/2007

 
Cara Simona, è proprio questo il punto, che non tutti i ministri fanno il proprio dovere. O meglio. Alcuni fanno ciò che rappresentano. Bersani, ad esempio, è lui che segue gli interessi degli industrialisti del carbone e del petrolio. E credo sia lui che non vuole togliere i Cip 6. Il ministro Pecoraro fa quel che può e, almeno, ci dice chiaramente come stanno le cose.
postato da: Michele Fortis alle 09:03:16 del 27/10/2007

 
A proposito di trasporti: Sinceramente CREDO CHE IL PONTE PRIMA O POI SI FARA'! ... il prossimo ritorno della destra me ne fornisce la certezza. Mi dispiace molto che il caveliere troverà non solo gli uffici ma anche gli STANZIAMENTI per le infrastrutture legate al ponte (strade) nel retroterra: quelle di cui ci parla Di Pietro. Il prossimo governo godrà anche dei "tesoretti" e dei debiti ripianati da Prodi così da sperperarli come meglio riterrà opportuno, alla faccia di chi aspettave il "futuro" dei benefici per l'italia promessi da Prodi... Perchè poi, il Ministro Di Pietro, NON CI PARLA di questo PROGETTO EUROPEO di un TUNNEL che collegherà la Tunisia alla Sicilia???!!! http://www.movisol.org/07news169.htm tale progetto non ha senso se non esisterà il ponte, indispensabile per completare il collegamento "su gomma" tra Europa e Africa. Il Ministro Di Pietro, non lo sa?? Questo megaprogetto, tra l'altro, inciderà pesantemente sull' ecosistema marino di quel braccio di Mediterraneo: lei, Ministro Pecoraro, non lo sa ??? Un'altra cosa so: alle prossime elezioni non voterò per nessuno: il solo partito che meriti la mia "delega" sarà... una bella scheda bianca! e grazie a tutti quelli che, con la mia, la nostra delega, ha lavorato in quest'anno e mezzo per restituire l'italia a Berlusconi...
postato da: ada rocca alle 00:44:06 del 27/10/2007

 
che fine hanno fatto l'auto ad acqua e l'auto ad aria??? Caro Pecoraro Scanio, perchè non ce ne da notizia??? Perchè non ci dice dove sono?? Marco
postato da: Chiara Ceccanti alle 21:19:01 del 26/10/2007

 
Una risposta a Michele. E' vero che non dipende "solo" dai Verdi, ma anche, visto che fanno parte del Governo. E il problema dei CIP 6? Da chi dipende? Credo che ogni Ministro di questo Governo debba impegnarsi a fare il possibile sotto ogni punto di vista. Mi dispiace doverlo dire, ma con questa finanziaria non cambierà assolutamente nulla. Buona giornata a tutti. Simona
postato da: simona simo alle 15:26:50 del 26/10/2007

 
certo, bisogna puntare sui treni, laddove servano, e limitare l'alta velocità solo allo stretto necessario, soprattutto garantendo compatibilità ambientale e non fare disastri idrogeologici come accaduto. ma se trenitalia non ridiventa società pubblica, come si può pianificare un serio progetto di incentivazione, ottimizzazione e miglioramente del sistema-trasporto ferroviario? stiamo vedendo come le ferrovie abbiano un buco di 2 mld di euro, chiedano soldi allo stato per il ripianamento del debito, aumentano le tariffe ai cittadini pur dando uns ervizio sempre piu scadente(pulizia dei treni, qualità del servizio, e ora la polemica sugli intercity). ora però voglio esprimere il mio disagio politico riguardo al fatto che lei in nome dei verdi ha espresso solidarietà al ministro mastella per le minacce ricevute(non le biasimo), senza però criticare l'opportunismo strumentale e la condotta del ministro sulla vicenda why not-de magistris, in cui per altro potrebbe essere coinvolto anche il presidente del consiglio. ecco, prima di eventuali solidarietà a chi era testimone di nozze del mafioso campanella, beh, almeno una rigida presa di posizione sul fatto che le vicende giudiziarie vanno aiutate a far andare avanti per dimostrare che si è innocenti. mastella ha dimostrato di aver timore della giustizia, e questo mi lascia alquanto perplesso come elettore di sinistra poihcè ho visto un comportamento che raggiunge un evoluzione berlusconista. dai verdi mi aspetto molto, molto di piu. lo ammetto, sono amareggiato profondamente.
postato da: emanuele rigitano alle 13:31:29 del 26/10/2007

 
Sì, certo, anche io, che prendo tutti i giorni un treno per andare a scuola, mi rendo conto di quanto siano messe male le ferrovie italiane. Treni sporchi e malmessi. Speriamo proprio che questi mille treni arrivino presto! Comunque sia, grazie, alfonso, per gli sforzi.
postato da: Sarina Piccoli alle 06:26:51 del 26/10/2007

 
Sono parzialmente d'accordo con Simona. Ma non credo che dipenda dai Verdi. Lei ministro, continui a fare le cose per le quali è stato eletto: iniziative che tutelino l'ambiente e la salute dei cittadini. Con la poca percentuale che avete come Verdi, mi sembra un miracolo ogni cosa che riusciate ad ottenere. Se regge il governo...
postato da: Michele Fortis alle 06:21:13 del 26/10/2007

 
Ecco qualche fatto concreto. Anche io credo che la maggioranza di noi cittadini non ne possa più con il teatrino della politica e stia aspettando iniziative, come questa, che tocchino da vicino i nostri interessi. Ben fatto.
postato da: Andrea Soldati alle 06:17:25 del 26/10/2007

 
Vorrei ricordare al ministro dell’ambiente che dalla finanziaria dell’anno scorso è rimasto insoluto il problema dei CIP6, finanziamenti che invece di andare alle fonti veramente rinnovabili continuano ad andare a quelle assimilate già realizzate o APPROVATE. E che la parolina APPROVATE il ministro aveva promesso che sarebbe stata tolta. Quando? Ricordo a tutti che l’inceneritore di Torino, che non hanno ancora costruito, continuerà ad avere i finanziamenti statali che dovrebbero andare alle energie rinnovabili. E un nuovo inceneritore danneggia la nostra salute e l’ambiente. Saluti Barbara Mensi
postato da: Barbara Mensi alle 00:01:49 del 26/10/2007

 
Salve, Riguardo alla faccenda De Magistris mi sembra che tu stia cercando di fare finta di niente tenendo i piedi su due staffe. Quando dici “Comunque ora si puo' dire. Brutto segnale quell'avocazione dell'inchiesta di Catanzaro avvenuta su iniziativa della Procura: ha dato adito al sospetto che fosse intervenuta per tutelare qualcuno, anche se magari non e' cosi'". Che significa "magari non e' cosi'"? Ma che cavolo dici? Perche' non dici chiaramente che fanno schifo, che stanno manipolando tutto a proprio favore, anche la legge? E poi dici ancora "La politica dovrebbe rispettare l'autonomia e l'indipendenza della magistratura e la magistratura avrebbe dovuto tenere una posizione piu' lineare. Avrei preferito che non ci fosse l'avocazione dell'inchiesta. Ha dato adito a sospetti." Perche' invece di dire "avrei preferito che non ci fosse..." non fai qualcosa perche' venga annullata? E inoltre "ha dato adito a dei sospetti"? E li chiami sospetti? Ci vuole davvero una grossa fantasia per chiamarli cosi'. Saluti,
postato da: Andrea Mocchegiani alle 23:13:39 del 25/10/2007

 
gentile ministro, viva il treno, però i prezzi bisogna che non aumentino ulteriormente. riguardo invece alla (s)comodità dei sedili, perchè nei treni nuovi e/o in quelli ammodernati tipo "taf" (come il malpensa express e tanti altri) hanno i poggia testa stile alien, duri, con una protuberanza laterale a punta, scomodissimi e anche brutti ?!! vogliamo dei poggia testa classici, comodi, normali e con un decente spazio per le gambe tra i sedili posti uno di fronte all'altro !
postato da: manuele mariani alle 22:18:17 del 25/10/2007

 
Ministro Pecoraro Scanio, sono veramente indignata nel sapere che dopo tutto quello che si è fatto le comunità montane (quelle sul mare) esistono ed esisteranno ancora; che ai giornali di partito non è stata tolta una lira (vedi articolo su "il giornale" di oggi - aritoclo di Stefano Zurlo). Ministro, non avrete più il mio voto, nè ovviamente lo avrà nessun altro. Buona giornata Simona
postato da: simona simo alle 11:41:08 del 25/10/2007

 
Caro Fabio Re, non aspettarti che nessuno in questo governo (e in nessun altro) faccia qualcosa per fermare quello che tu denunci... stanno facendo di tutto per andare avanti su questa strada, infischiandosene di quello che vogliono i cittadini. Quant'è che parlano di eliminare lo scandalo CIP6 gli inceneritori le cosiddette fonti assimilabili eccetera? e non solo ne hanno fatto un gran parlare senza fare assolutamente niente, ma ora rincarano pure la dose... ma che ti aspetti? che davvero a loro interessi qualcosa quello che dici?
postato da: Andrea Frullini alle 10:13:42 del 25/10/2007

 
Salve ministro, le riporto il contenuto della mail inviatami dal senatore Fernando Rossi (ex di Insieme per l'unione), quello che avete cacciato e criminalizzato come se fosse un traditore e che invece si limitò a votare contro la guerra come tutti avrebbero dovuto fare. Oggi mi scrive queste parole. Non possiamo esserne indifferenti: Rossi (Movimento Politico dei Cittadini): "Bloccare i “furbetti del polverino” Il Senatore Fernando Rossi (Movimento Politico dei Cittadini) ha presentato oggi un sub-emendamento per tentare di bloccare un articolo emendativo inserito, all’ultimo momento dal Governo sulla sua stessa Finanziaria. “In zona Cesarini il Ministro Bersani ha infilato la sua polpetta avvelenata”. Così Rossi definisce l’emendamento 30 bis. “Gli incentivi vengono così previsti per l’energia elettrica prodotta da ‘impianti che impiegano anche altre fonti energetiche non rinnovabili’ , e nella tabella relativa alle fonti rinnovabili compaiano anche rifiuti biodegradabili, biomasse e biogas alimentanti impianti di cogenerazione ad alto rendimento, gas di discarica e gas residuati dai processi di depurazione nonché biogas diversi da quelli indicati” . Rossi sottolinea il fatto che, “mescolando fonti energetiche non rinnovabili come fanghi/ceneri e/o i rifiuti urbani con materiali a più elevata combustione, cioè con biomasse (mais e legno), l’impianto di smaltimento dei rifiuti (inceneritore-termovalorizzatore) diventa inquadrabile come centrale “a biomasse”, (quindi fonte definita rinnovabile)”. Ma le emissioni nocive non sparirebbero cambiando loro il nome, e si disperderebbero come inquinanti gassosi nell'ambiente, insieme ad anidride carbonica, micro e nanopolveri, particolati secondari, pesticidi, diossine e molte altre sostanze tossiche.” Il Senatore evidenzia anche il passaggio con il quale si prevede che “per i soli impianti così alimentati sotto la voce biomasse, l’accesso agli incentivi previsti dall’emendamento del Governo è cumulabile con altri incentivi pubblici: nazionali, regionali, locali o comunitari. Mentre tale ‘privilegio’ è addirittura escluso per le fonti davvero rinnovabili: eoliche, solari, geotermiche, idrauliche e da moto ondoso.” “Auspico che a fronte di una simile trappola vi sia un soprassalto di coerenza da parte dei Verdi e della sinistra di Governo– conclude Rossi – a tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini”. Roma, 24/10/2007 Beh, lo auspico anche io. Se siamo davvero Verdi, dimostriamolo. Rifletta ministro.
postato da: Fabio Re alle 20:43:33 del 24/10/2007

 
Ministro, sono fondamentali politiche di incentivazione dei mezzi collettivi...il cambiamento culturale sicuramente necessario avviene con l'affermarsi della convenienza soprattutto economica da parte del cittadino ma anche da imposizioni di standard sui mezzi di strasporto del Governo alle società- gestori... ultimamente le sto scrivendo perchè mi sembra che lei legga il suo blog (qualche amico mi dice che è impossibile) ma ci provo, sarebbe davvero una opportunità straordinaria quella che un cittadino possa direttamente comunicare con il proprio rappresentante! le chiedo come valuta e interpreta quanto sta avvenendo oggi nel nostro Paese, che sta sempre più perdendo pezzi di democrazia.... Che posizione ha per il caso De Magistris? e sul pacchetto sicurezza? possibile che per vedersi accettato un proprio giustissimo provvedimento si debba accettare situazioni che in altri paesi del nostro vecchio continente non si manifestano mai?Come possibile la presenza di parlamentari condannati (e stipendiati a nostre spese) e i doppi incarichi (più volte a detto la sua ma ne frattempo?).Perché nessuno pone la questione morale?Sarebbe interessante avere la sua opinione anche su queste questioni. Grazie
postato da: manca maria laura alle 17:48:29 del 24/10/2007

 
sono d'accordo con Elena Nieri. Sembra impossibile dirlo ma in Italia il mezzo più comodo e pulito come il treno è stato negli ultimi decenni sempre più boicottato. Per il prezzo del biglietto in confronto agli altri paesi non è eccessivo, la differenza in negativo per noi è la mancanza di puntualità e la frequenza. A proposito di opere faraoniche dovrei citare un obbrobrio che si sta compiendo a Firenze una linea tramviaria la 2 che passerà addosso al Duomo. I verdi sono in maggioranza ma imbarazzati per questa scelta non proprio artisticamente approppriata. I cittadini che non la vogliono, protestano per l'abbattimento di alberi secolari.. Nessuno dei ministri da Di Pietro, Bianchi, Rutelli e Lei può vedere la soluzione migliore? Sono per la tramvia che eliminerà la mobilità con le macchine ma farla passare accanto al Duomo, NO. A pensare che Rutelli è spasso a Firenze per pregiarsi dei suoi alleati e non ha mai speso una sola parola sulla tramvia. Come sempre la colpa viene data ai Verdi che non dicono NO e quindi poi sarebbero costretti ad uscire i comune dalla maggioranza. Perchè i Verdi si trovano sempre in compromessi che spesso sono costretti a deviare dalla loro coerente politica? Mentre gli altri partiti non solo agiscono in contrasto alle aspettative dei cittadini, ma addirittura al momento del voto hanno voti che permette loro di avere le mani in pasta (eufemismo) sempre più profonde. Rutelli dove sei!!!!!!!é assente non sente per questi problemi. Dove è il ministro dei Beni cultiurali?Scusatemi per la digressione. Su quello che dice Pecoraro finalmente potremo vedere le stazioni pullulare di persone, pendolari e studenti, mentre le strade saranno meno intasate da pullman a lunga percorrenza. Avanti così!!!.
postato da: florence toschi alle 14:19:45 del 24/10/2007

 
Abbandonate realmente il progetto del ponte sullo stretto, ascoltate chi ne capisce veramente qualcosa di geologia, biologia e impatto ambientale. Se fossero stati ascoltati prima da voi politici, un progetto così astruso non sarebbe stato nemmeno preso in considerazione. "Bisogna fare quello che bisogna fare" diceva qualcuno, e quello che dovete fare voi è sopperire ai bisogni più semplici degli italiani. Non c'e' bisogno di un ponte, non c'e' bisogno di una tav, sono necessarie cose concrete, e più immediate. Fate crescere l'italia nel suo piccolo, senza pensare troppo in grande; i progetti faraonici li facevano gli antichi romani, perchè "POTEVANO". Noi no, non possiamo più. Estrapolate ciò di cui l'italiano medio ha VERAMENTE NECESSITA', e vedrete che nessuno di voi dovrà pensare troppo in grande. Quello che ha scritto, Ministro, ne è un esempio. Continuate per questa strada. Medusa
postato da: elena nieri alle 12:07:04 del 24/10/2007

 
LE FINISCO LA FRASE MINISTRO..TRENI POSSIBILMENTE PIU' PUNTUALI..........E MENO CARI..!! NON CHE OGNI DUE MESI AUMENTINO I BIGLIETTI..GUARDI ANCHE QUESTO MINISTRO.. E SUL TRASPORTO VIA MARE..LEGGA IL RAPPORTO SULL'INQUINAMENTO DELLE NAVI..INQUINANO MOLTISSIMO..CONVERTITELE A COMBUSTIBILI IMPATTO ZERO..ALLORA SI SARBBE UNA BUONA COSA..SALUTI.
postato da: MARCO GIOVANELLI alle 09:57:17 del 24/10/2007

 
  bullet Ambiente
  bullet Blog
  bullet Buone Notizie
  bullet Diritti
  bullet Pace
  bullet Politica
  bullet Risposte
  bullet Società

footer image